Home > La Guida > Mutui Inpdap 20 anni

Mutui Inpdap 20 anni

Ti è piaciuto il post?

Sei alla ricerca di un mutuo Inpdap con piano di ammortamento 20 anni? Allora, se sei in possesso dei requisiti giusti, puoi accendere un Prestito Inpdap inquadrabile nella categoria dei mutui ipotecari. Vediamo, in questa guida di cosa si tratta questa peculiare tipologia di prestito a medio-lungo termine, chi sono i soggetti destinatari della prestazione creditizia, le finalità, la documentazione da allegare e l’iter di valutazione del merito creditizio. Procediamo con ordine e partiamo proprio dai requisiti necessari che un soggetto deve essere in possesso per accendere un mutuo, la cui durata è di 20 anni.

Mutuo Inpdap 20 anni: requisiti e destinatari della prestazione creditizia

Per beneficiare del mutuo a saggio di interesse agevolato erogato da Inps Inpdap, è necessario essere in possesso di requisiti determinati sanciti dal Regolamento approvato per gli iscritti alla Gestione Unitaria delle Prestazioni sociali e creditizie. Ai sensi dell’articolo 1,3 e 4 del suddetto Regolamento, il mutuo ipotecario Inpdap è concesso ed erogato in favore di tutti coloro che  sono iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (da almeno 36 mesi) e siano in attività di servizio o pensionati, che  Gli iscritti in attività di servizio devono, all’atto della domanda, essere titolari di contratto di lavoro a tempo indeterminato o, anche a tempo determinato.

Per la richiesta del mutuo finalizzato all’acquisto della prima casa, i requisiti soggettivi richiesti per vedersi erogato un mutuo ipotecario con durata di 20 anni sono ascrivibili ai seguenti:

  • non essere proprietari di altra abitazione in tutto il territorio nazionale;
  • né i componenti del nucleo familiare del soggetto richiedente deve essere proprietario di altra abitazione sul territorio nazionale.

Il requisito sopra indicato è considerato sussistente, ai sensi dell’articolo 3 del Regolamento,  nel caso in cui: “l’interessato o i componenti del nucleo familiare siano proprietari di abitazioni in misura pari o inferiore al 50% di ciascuna di esse, ricevute per successione mortis causa o donazione inter vivos e non fruibili perché gravate da diritti reali di godimento (usufrutto, uso, abitazione);  – l’interessato o i componenti del nucleo familiare siano proprietari di abitazioni in misura pari o inferiore al 33% di ciascuna di esse, anche se non gravate da diritti reali di godimento...”.

Importo erogabile per un mutuo ipotecario Inpdap di 20 anni

Per quanto concerne l’importo massimo erogabile e concesso a tutti i soggetti che sono in possesso dei requisiti soggettivi per accendere un mutuo, è fissato a 300.000 euro e  non può eccedere il 100% del valore di perizia dell’immobile. A tale importo può essere aggiunto, a richiesta del soggetto richiedente , un ulteriore importo non superiore a € 5.000,00 per finanziare le spese di amministrazione, le spese per gli onorari professionali dei tecnici incaricati per le perizie tecnico-estimative, le spese di iscrizione ipotecaria e le spese per l’onorario corrisposto al notaio, ivi comprese le spese di registrazione e copia degli atti, nonché il costo dell’assicurazione da abbinare a copertura del mutuo (polizza assicurativa cogente).

Durata ventennale e condizioni economiche applicate

Il mutuo ipotecario Inpdap con piano di ammortamento 20 anni prevede l’applicazione delle seguenti condizioni economiche:

  • mutuo 20 anni a tasso fisso: tasso di interesse del 3,75 % per l’intera durata del mutuo;
  • mutuo 20 anni a tasso variabile: tasso del 3,50% per il primo anno e, con decorrenza dalla terza rata, tasso variabile pari all’Euribor a 6 mesi, calcolato su 360 giorni, maggiorato di 90 punti base, rilevato il 30 giugno o il 31 dicembre del semestre precedente ed applicato sul debito residuo a tale data.

Per quanto concerne la restituzione della rata di rimborso del mutuo ipotecario, essa avviene in rate semestrali, costanti e posticipate. Sull’importo del mutuo di durata ventennale sono trattenute anticipatamente le spese di amministrazione nella misura dello 0,50% dell’importo mutuato. Inoltre, sono a carico del richiedente le spese per gli onorari professionali dei tecnici incaricati  per le perizie tecnico-estimative, le spese di iscrizione ipotecaria e le spese per l’onorario corrisposto al notaio, comprese le spese di registrazione e copia degli atti e la polizza assicurativa.

Mutuo Inpdap 20 anni: simulazione a tasso fisso

A titolo esemplificativo, un dipendente del pubblico impiego può procedere alla simulazione del piano di ammortamento del mutuo che intende richiedere, tramite lo strumento di computo reperibile online sul sito INPS. Ammettiamo che un soggetto necessiti di un capitale finanziario di 100.000 euro e voglia accendere un mutuo Inpdap con durata 20 anni a saggio di interesse fisso, ecco la simulazione rateale:

Piano di Ammortamento
Numero rata Quota capitale Quota interessi Capitale residuo Scadenza Rata Importo Rata
1 1.856,67 1.464,28 98.143,32 31/12/2017 3.320,95
2 1.883,86 1.437,09 96.259,46 30/06/2018 3.320,95
3 1.911,44 1.409,51 94.348,02 31/12/2018 3.320,95
4 1.939,43 1.381,52 92.408,58 30/06/2019 3.320,95
5 1.967,83 1.353,12 90.440,75 31/12/2019 3.320,95
6 1.996,64 1.324,31 88.444,10 30/06/2020 3.320,95
7 2.025,88 1.295,07 86.418,21 31/12/2020 3.320,95
8 2.055,55 1.265,40 84.362,66 30/06/2021 3.320,95
9 2.085,64 1.235,31 82.277,01 31/12/2021 3.320,95
10 2.116,18 1.204,77 80.160,82 30/06/2022 3.320,95
Piano di Ammortamento
Numero rata Quota capitale Quota interessi Capitale residuo Scadenza Rata Importo Rata
11 2.147,17 1.173,78 78.013,65 31/12/2022 3.320,95
12 2.178,61 1.142,34 75.835,03 30/06/2023 3.320,95
13 2.210,51 1.110,44 73.624,51 31/12/2023 3.320,95
14 2.242,88 1.078,07 71.381,62 30/06/2024 3.320,95
15 2.275,72 1.045,23 69.105,90 31/12/2024 3.320,95
16 2.309,05 1.011,90 66.796,85 30/06/2025 3.320,95
17 2.342,86 978,09 64.453,98 31/12/2025 3.320,95
18 2.377,16 943,79 62.076,82 30/06/2026 3.320,95
19 2.411,97 908,98 59.664,84 31/12/2026 3.320,95
20 2.447,29 873,66 57.217,54 30/06/2027 3.320,95

Simulazione a tasso variabile

A titolo esemplificativo, un dipendente del pubblico impiego può procedere alla simulazione del piano di ammortamento del mutuo che intende richiedere, tramite lo strumento di computo reperibile online sul sito INPS. Ammettiamo che un soggetto necessiti di un capitale finanziario di 100.000 euro e voglia accendere un mutuo Inpdap con durata 20 anni a saggio di interesse variabile, ecco la simulazione rateale:

Piano di Ammortamento
Numero rata Quota capitale Quota interessi Capitale residuo Scadenza Rata Importo Rata
1 2.094,24 885,58 97.905,76 31/12/2017 2.979,82
2 2.112,79 867,03 95.792,98 30/06/2018 2.979,82
3 2.131,50 848,32 93.661,49 31/12/2018 2.979,82
4 2.150,37 829,45 91.511,12 30/06/2019 2.979,82
5 2.169,42 810,40 89.341,70 31/12/2019 2.979,82
6 2.188,63 791,19 87.153,08 30/06/2020 2.979,82
7 2.208,01 771,81 84.945,07 31/12/2020 2.979,82
8 2.227,56 752,26 82.717,51 30/06/2021 2.979,82
9 2.247,29 732,53 80.470,23 31/12/2021 2.979,82
10 2.267,19 712,63 78.203,04 30/06/2022 2.979,82
Piano di Ammortamento
Numero rata Quota capitale Quota interessi Capitale residuo Scadenza Rata Importo Rata
11 2.287,27 692,55 75.915,77 31/12/2022 2.979,82
12 2.307,53 672,29 73.608,25 30/06/2023 2.979,82
13 2.327,96 651,86 71.280,29 31/12/2023 2.979,82
14 2.348,58 631,24 68.931,72 30/06/2024 2.979,82
15 2.369,38 610,44 66.562,35 31/12/2024 2.979,82
16 2.390,36 589,46 64.172,00 30/06/2025 2.979,82
17 2.411,53 568,29 61.760,47 31/12/2025 2.979,82
18 2.432,88 546,94 59.327,60 30/06/2026 2.979,82
19 2.454,43 525,39 56.873,17 31/12/2026 2.979,82
20 2.476,16 503,66 54.397,01 30/06/2027 2.979,82