Home > La Guida > Prestiti Inpdap acquisto auto

Prestiti Inpdap acquisto auto

Prestiti Inpdap acquisto auto
5 (100%) 2 votes

Se sei un impiegato o un lavoratore alle dipendenze del pubblico impiego statale e/o locale e vuoi fruire delle attività creditizie erogate e garantite da Inps Inpdap, allora ti trovi nella giusta guida dedicata ai finanziamenti per acquistare un auto tramite l’accensione del prestito e/ della cessione del quinto sullo stipendio e sulla pensione.

Prestiti Inps Inpdap per auto: di cosa si tratta

I prestiti auto erogati dall’Inps Inpdap rientrano nella fattispecie dei prestiti personali finalizzati destinati all’acquisto di un’auto nuova o usata. Rispetto ai prestiti personali canonici reperibili sul mercato, i prestiti erogati da Inps per finanziare l’acquisto dell’auto sono prodotti creditizi con prezzi e/o condizioni economiche specifiche riservate allo scopo.

Come sancito dal regolamento approvato e reperibili sul sito istituzionale dell’Inps, rinnovato nella sua interfaccia ed interazione con i cittadini, è possibile inoltrare la richiesta di questa tipologia di prestito anche per finanziare l’acquisto di una moto, di uno scooter, di un camper, o di una barca. L’ente erogatore del prestito, convenzionato con l’Ente di Previdenza,  può decidere di applicare condizioni economiche differenti a seconda che il bene oggetto di finanziamento sia un veicolo nuovo o usato: l’acquisto di un veicolo usato viene percepito, in sede di valutazione dell’approvazione del prestito, come un’operazione più rischiosa. In linea generale, per il prestito auto non sono comunque richieste garanzie ulteriori, se non la busta paga o il TFR del lavoratore a garanzia della cessione del quinto sullo stipendio o sulla pensione.

Domanda di richiesta prestito per auto

Con un prestito auto garantito ed erogato da Inps Inpdap, puoi avere subito disponibile la somma che ti occorre per acquistare l’auto o il veicolo di tuo interesse e rimborsare l’obbligazione contratta con la massima semplicità, personalizzando l’importo delle rate mensili da versare, scegliendo la durata di ammortamento a te più congeniale, nei limiti dell’ammontare della tua retribuzione netta mensile, onde evitare l’eccessivo indebitamento. Per procedere alla valutazione del prestito per finanziare l’acquisto dell’auto, devi procedere con la trasmissione telematica della domanda reperibile tra la Modulistica scaricabile dal sito dell’Inps.

Il modulo per presentare la domanda di richiesta del prestito finalizzato è di due tipologie a seconda che il prestito richiesto dal soggetto sia Piccolo o Pluriennale. Modulo AC030_Piccolo-Prestito.zip per chi intende inoltrare la richiesta del Piccolo Prestito da estinguere in 12, 24, 36, 48 rate o Modulo AC040 Prestito-Pluriennale.zip, con allegato, in quest’ultimo caso, del Certificato Medico AC070 Certificato-Medico.zip. Il Certificato Medico di sana costituzione fisica deve essere rilasciato almeno 45 giorni prima della data di presentazione della domanda, esclusivamente da:

  • un medico del Servizio Medico Legale dell’ASL
  • un medico incaricato dall’Amministrazione di appartenenza dell’iscritto
  • un ufficiale medico militare in attività di servizio.

Destinatari della prestazione creditizia

Come sancito da Regolamento all’articolo 2 rubricato “Destinatari della Prestazione“, i soggetti che possono inoltrare la domanda di cui sopra, sono tutti coloro che risultano essere regolarmente iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali che vantino almeno quattro anni di anzianità di servizio presso la Pubblica Amministrazione, nonché quattro anni di versamento di contributi previdenziale al Fondo di credito. Gli iscritti alla Gestione Unitaria in attività di servizio devono, all’atto della domanda di richiesta del prestito, essere titolari di contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Per chi è assunto all’interno dell’Amministrazione pubblica statale e/o locale con contratto di lavoro a tempo determinato non inferiore a tre anni può comunque fruire, ai sensi dell’articolo 13 del D.P.R. 5 gennaio 1950, n. 180, del contratto di cessione del quinto sullo stipendio o sulla pensione nell’arco di vigenza del contratto di lavoro con l’obbligo di cedere il trattamento di fine rapporto (TFR) a garanzia del prestito finalizzato all’acquisto dell’auto o del veicolo.

Condizioni e Rinnovo del prestito

Come sancito dal Regolamento Prestiti Inps Inpdap il prestito auto è a tasso fisso, l’importo rimane costante per tutta la durata del piano di ammortamento con la certezza che rimanga la stessa cifra e non subisca le variazioni del mercato finanziario e creditizio, dovute alla volatilità del saggio d’interesse variabile. Inoltre, la normativa stabilisce che è sempre possibile estinguere il prestito anticipatamente rispetto al termine concordato, presentando il Modulo presente nella Sezione Attività creditizie sul sito Inps: Modulo AC060_Richiesta-Anticipata-Estinzione.zip.

Il dipendente pubblico può presentare anche il Modulo Rimborso Quota Premio Di Garanzia Non Goduto,  con cui può richiedere il rimborso del premio aggiuntivo pagato all’INPS ex INPDAP che ha fatto da garante, se ha estinto in anticipo l’obbligazione contratta; Modulo AS120_Rimborso-Quota-Premio-Di-Garanzia-Non-Goduto.zip. Ai sensi dell’articolo 5 del Regolamento Inps Inpdap, per chi abbia richiesto un prestito può richiedere il Rinnovo del Prestito in corso di ammortamento, decorsi due anni di ammortamento per il prestito quinquennale e dopo quattro anni di ammortamento per il prestito decennale. Secondo le disposizioni regolamentari, il prestito quinquennale può essere rinnovato prima che siano trascorsi due anni dall’inizio dell’ammortamento nel caso in cui si richieda e ottenga un prestito decennale.

Piccolo prestito per acquisto auto: condizioni e costi

Se un dipendente del pubblico impiego deve finanziare l’acquisto di un’autovettura con un importo esiguo (solitamente inferiore agli 8.000 euro) perché dispone già della liquidità necessaria o perché l’auto è di piccola cilindrata, è una utilitaria o presenta un prezzo di listino di importo contenuto, si può inoltrare la domanda per richiedere un Piccolo Prestito, senza presentare l’autocertificazione e le motivazioni per le quali si richiede il prestito.

Il Piccolo Prestito Inps Inpdap può essere rimborsato secondo un piano di ammortamento variabile di durata annuale (12 rate mensili), biennale (24 rate mensili), triennale (36 rate mensili), quadriennale (48 rate mensili). Sull’importo lordo dei piccoli prestiti si applica un saggio di interesse fisso e nominale annuo del 4,25%, la ritenuta dello 0,50% per spese di amministrazione e la ritenuta relativa al contributo del fondo rischi, secondo le misure percentuali fissate dal Regolamento.

Prestito pluriennale diretto per auto: condizioni e costi

Per chi necessita dell’intera somma per finanziare l’acquisto di un veicolo di grossa cilindrata o che superi gli 8.000 euro, è possibile inoltrare la domanda di richiesta del Prestito Pluriennale di durata quinquennale (60 rate), come sancito dall’articolo 20 del Regolamento, rubricato “Acquisto di autovettura per l’iscritto”.

L’importo lordo massimo erogabile: € 20.000,00. La documentazione da allegare alla domanda:

  • autocertificazione attestante che l’autovettura oggetto di acquisto è l’unica in proprietà del richiedente il prestito;
  • preventivo di spesa del concessionario auto; nel caso in cui l’iscritto sia già proprietario di altra autovettura da consegnare al concessionario al momento dell’acquisto, la circostanza dovrà essere indicata nel preventivo di spesa e dichiarata nella autocertificazione indicata alla lettera a);
  • copia autenticata della ricevuta di versamento pari almeno al 10% del prezzo preventivato.