Home > La Guida > Prestiti Inpdap, qual è l’età massima per poterli ottenere?

Prestiti Inpdap, qual è l’età massima per poterli ottenere?

Prestiti Inpdap età massima
Prestiti Inpdap, qual è l’età massima per poterli ottenere?
Ti è piaciuto il post?

La complessa situazione economica in atto, con una crisi che continua ad imperversare con grande forza nel nostro Paese, sta letteralmente ridisegnando i rapporti sociali.
Tra le maggiori conseguenze del periodo non felice innescato dopo lo scoppio della bolla dei mutui subprime, c’è la perdita di moltissimi posti di lavoro, tale da mettere spesso in grande affanno le famiglie che ne sono rimaste vittima.

In questa situazione, i pensionati si sono trasformati in un vero e proprio ammortizzatore sociale, cui sono costretti ad attingere i parenti per cercare di rimanere a galla.
Una funzione che potrebbe proseguire ancora per molto tempo, considerato come non si preveda un deciso miglioramento della congiuntura, almeno in un prossimo futuro.

I pensionati nella odierna società

Sono sempre di più gli anziani che decidono di intervenire con il loro trattamento pensionistico in favore dei figli o dei nipoti. A causare questo intervento può essere la perdita del posto di lavoro, la difficoltà di trovarlo o anche la magrezza dello stipendio di qualche parente.

Anche i pensionati, però, hanno problemi non da poco, in Italia, a partire dal fatto che i loro trattamenti sono spesso inadeguati e tendono a perdere potere d’acquisto con il tempo.
In un quadro di questo genere è del tutto normale che siano sempre di più le persone entrate nella terza età le quali decidono da un giorno all’altro di interagire con il sistema creditizio, magari per fungere da garanti.

La situazione del mercato e il fattore anagrafico

Il mercato creditizio ha preso atto di questa realtà e ha ridisegnato le sue politiche verso gli anziani. Sono ormai molte le proposte che vedono al centro proprio la fascia più anziana della popolazione, cercando al contempo di limitare i rischi derivanti proprio dal particolare status di queste persone. In particolare è l’età a svolgere un ruolo di grande importanza nelle trattative tra anziano e istituti di credito, i quali cercano di limitare il piano di rientro dei prestiti proprio basandosi sul fattore anagrafico.

Una possibile alternativa: l’Inpdap

Tra le proposte creditizie più gettonate in assoluto, c’è quella offerta da Inpdap (Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica), ente che ha iniziato a svolgere questa funzione nel 1994, chiudendo i battenti nel 2011, quando il governo Monti ne ha deciso la soppressione con il decreto Salva Italia.
La riorganizzazione del sistema previdenziale, ha portato alla formazione del cosiddetto super Inps, con l’accorpamento all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale di Inpdap e Enpals. Le funzioni e prerogative dell’ente non sono quindi cessate, ma sono ora svolte dall’Inps. Compresa quella creditizia.

I prestiti Inpdap

La proposta formulata dall’Inpdap in favore dei dipendenti e pensionati della Pubblica Amministrazione, si compone di piccoli prestiti, prestiti convenzionati, finanziamenti pluriennali diretti e garantiti.

Finanziamenti che sono caratterizzati in particolare da due vantaggi: i tassi d’interesse più bassi rispetto a quelli proposti normalmente dal mercato e la sicurezza del quadro, garantita dal fatto che le condizioni contrattuali non vengono mai modificate nel corso del piano di rientro.
La formula prescelta è naturalmente quella della cessione del quinto, proprio in considerazione del fatto che i finanziamenti vengono concessi solo a chi ha una busta paga o una pensione sui quali impostare il piano rateale di ammortamento. Quindi sarà l’ente a prelevare direttamente il 20% dello stipendio o della pensione del richiedente.

I prestiti Inpdap: qual’è l’età massima per poterli ottenere?

Naturalmente anche per i prestiti concessi dall’Inpdap ci sono delle restrizioni a livello anagrafico, ovvero un’età massima oltre la quale l’istituto non può concedere il finanziamento richiesto al pensionato interessato. Qual’è questa età?

Va specificato a questo punto che non esiste una vera e propria età massima codificata, ma soltanto un orientamento di massima. In pratica oltre i 75 anni è quasi impossibile riuscire ad ottenere un prestito, anche dall’Inpdap.

Il motivo è facilmente spiegabile: anche prendendo in prestito un dato come l’aspettativa di vita, per l’ente che va ad erogare il credito i rischi aumenterebbero in maniera esponenziale. Rischi che naturalmente sono presenti anche nei soggetti che magari si avvicinano a questo traguardo, ma che vengono limitati proprio diminuendo, spesso in maniera drastica, la durata del piano di rientro.

Conclusione

Possiamo quindi dire con una certa sicurezza che i 75 anni rappresentano un vero e proprio spartiacque, anche per quanto riguarda l’entità del finanziamento richiesto: più ci si avvicina a quell’età e più sarà rapido l’ammortamento, mentre anche la cifra concessa diminuirà in proporzione.
Va peraltro specificato come la politica decisa dall’Inpdap sia in pratica la stessa che caratterizza il sistema creditizio tradizionale. Considerata la grande mole di crediti deteriorati che lo affligge, gli istituti bancari e le finanziarie hanno cercato di non escludere gli anziani dal credito, limitando allo stesso tempo i rischi derivanti dall’intrattenere rapporti con una fascia di età così particolare.